Eventi

Unicoenergia contro il bullismo e il cyberbullismo

Napoli, 27 giugno, Studi Rai - Si discute di bullismo e cyberbullismo
 

Il talkshow "Piccoli bulli e grandi assenti. Chi abiterà la città fuori dai social media?" ha rappresentato un' importante per la città di Napoli che, nell'auditorium degli studi RAI di Napoli, difronte a una platea numerosa e popolata da personalità eccellenti, ha affrontato un tema che riveste sempre più rilevanza nei fatti di cronaca. 

L'evento, organizzato da Città di Partenope, ha visto l'intervento di tante personalità di spicco tra cui: Francesco Pinto - direttore della sede, Claudio Agrelli - fondatore dell'associazione, Roberto Minerdo - vicepresidente dell'Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping, il questore di Napoli AntonioDe Iesu, Chiara Marciani - l'assessore alle pari opportunità della Regione Campania, Gianluca Guida - direttore del carcere minorile di Nisida, Luigi Sarnatore - sindaco di Mugnano, Fabiana Sera - speaker radiofonica di RTL.

Anche il mondo dello spettacolo ha risposto presente: all'evento sono intervenuti gli attori Mingo De pasquale e Miriam Candurro, Sara Rescigno - story editor di "Un posto al sole". 

Una testimonianza importante è giunta dal mondo dello sport, rappresentato da Valentino Manfredonia - pugile medaglia di bronzo agli europei, che individua nello sport la giusta strada verso un'etica responsabile e il rispetto delle regole. Il talkshow è stato magistralmente condotto dalla giornalista Cecilia Donadio.   

Due cortometraggi per esplorare la piaga del bullismo

"Il compleanno di Alice", della regista Maria Grazia Cucinotta, che porta sullo schermo la problematica di una bambina vittima di bullismo e in balia dell'assenza dei genitori. Mentre l'estratto video dalla fiction "Un posto al sole" mostra una vittima di cyberbullismo, colpita anche nei luoghi dove si sente più sicura, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione. 

Un servizio del TGR mostra la vicenda di un ragazzino di Mugnano, vittima di episodi di bullismo, e la coraggiosa decisione dei genitori di denunciare l’accaduto a mezzo social.

Subito dopo ecco il videomessaggio di Laura bononcini - Head of policy di Facebook, che spiega come il social sia sempre più attento alla gestione dei contenuti, della privacy e le nuove funzioni di denuncia. Diventa sempre più importante fornire ai giovani strumenti di difesa, soprattutto nel mondo virtuale in cui sono più esposti e facilmente presi di mira.

Molta importanza rivestono la famiglia e la scuola, ma anche le Istituzioni sono importanti. Giungono a questo punto due idee muove: quella dell'Osservatorio, accolta con entusiasmo anche da Papa Francesco, di creare un’app pensata contro il bullismo e quella della Regione che, attraverso una una piattaforma, possa riuscire a diffondere messaggi positivi, ma anche supporti psicologici e legali.

Altro contributo video è giunto dall’ADN Kronos sui nuovi provvedimenti di legge in materia, cui è seguita un'interessante spiegazione legale di Donatella Donati, caposegreteria del Sottosegretario di Stato Gennaro Migliore.  

 

Aldo Arcangioli, CEO di Unicoenergia, ha dichiarato: con grande orgoglio siamo scesi al fianco dell'Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping nell'organizzazione di questo evento, perchè crediamo che sia giusto per le imprese che si innestano nel territorio farsi portatrici di etica e sani valori. Per noi è un grande onore partecipare a un evento nel quale si sottolinea come il rispetto delle regole possa migliorare il vivere quotidiano